Attilia ha gli occhi chiusi, mentre mi avvicino senza fare rumore li apre e mi guarda, mi chiede chi sono e solo dopo averle detto il mio nome ricorda che il giorno prima ci eravamo incontrate in soggiorno  per l’attività collettiva di arteterapia.

Le chiedo se desidera ripetere l’esperienza anche oggi, mi risponde di si ma solo dopo aver riposato ancora un po’. Ritorno dopo un’ora e la trovo sveglia mentre esprime a Marco, l’infermiere che le somministra la terapia, il desiderio di stare in compagnia con altre persone, la proposta di lavorare individualmente nella stanza la fa diventare sospettosa, mi chiede più volte se arriveranno altre persone a lavorare con lei fino a chiedermi se l’intervento individuale è sinonimo di qualche aggravamento della sua situazione. Si tranquillizza solo dopo averle spiegato l’organizzazione gli incontri.

Scegli il foglio nero dicendo che in questi giorni si sente davvero giù di morale e non riesce a spiegarsi il motivo, proviamo a fare un’indagine delle possibili cause ma dopo aver considerato che la famiglia e i figli stanno bene interrompe la conversazione dicendo “sarà solo un momento, passerà, meglio lavorare”.

Le chiedo se ricorda il lavoro fatto il giorno precedente, la Fata Turchina, rimane in silenzio per un attimo e poi mi risponde “ La fata turchina protegge pinocchio ma non me” le chiedo se sente di aver bisogno di essere protetta, annuisce con la testa ma quando cerco di approfondire per capire da che cosa non mi risponde e mi chiede informazioni sui materiali artistici da utilizzare.

La fata Turchina

Sceglie le tempere per l’intensità del colore quando viene steso sul foglio, utilizza il rosso e il bianco creando direttamente sul foglio una mescolanza di colore nelle diverse tonalità del rosa.

Mi chiede se mi sono accorta di ciò che disegna “hai visto! come la volta scorsa disegno questi segni che ricordano quegli animali”, quello che appare sul foglio la disturba un po’, lo sguardo diventa cupo l’espressione del viso contratta, prosegue con il tratto e ancora la sua mano traccia un segno curvo sul foglio, si ferma a guardarlo e dopo una breve pausa identifica nel segno tracciato la forma di un serpente, ne vede la faccia, gli occhi e la bocca che mette in evidenza con il colore rosso, “eccolo ha la bocca spalancata, sembra che mi voglia mangiare ma io non mi faccio mangiare” continua a tracciare, questa volta con foga e decisione, il segno dalla parte opposta della testa esprimendo la volontà di dare a quell’animale in pasto la sua coda, conclude il tratto dicendo di essere una persona cattiva, le rispondo che quello che ho colto non mi sembrava cattiveria ma rabbia, si ferma nuovamente a fissare il foglio e con un fil di voce quasi impercettibile pronuncia “si! non è giusto, non è giusto” le chiedo che cosa non è giusto, mi dice di sentire che la sua condizione peggiora, si sveglia alla mattina con la testa confusa, spesso non sà dove si trova e oggi a differenza di altri giorni fatica a respirare. Riconosco in Attilia alcuni gesti e movimenti che ho visto il giorno precedente, ai quali non avevo dato particolare importanza, perché la sensazione di mancanza d’aria a causa della temperatura elevata era percepita anche  da altre persone. Riprende il lavoro e nuovamente traccia dei segni nei quali riconosce e nomina lo stesso animale, il serpente, prosegue cercando di definirne meglio la testa e nei pochi segni tracciati con il pennello intravede una mano che si posa sul collo e sorregge la testa, le sembra una posizione di sfida, “guarda che espressione arrogante, supponente” Si ferma ancora e insieme guardiamo il lavoro, mi chiede che cosa penso di questi animali, in questa richiesta colgo l’esigenza di Attilia di parlare di ciò che le sta accadendo e le rispondo con la parola “pericolo”, annuisce dicendomi che questi serpenti sono davvero un grande pericolo. Mi chiede di aiutarla a capire se ha disegnato un maschio o una femmina, facciamo delle considerazioni sull’uso comune di alcuni colori arrivando alla conclusione, per Attilia già sospettata, che quel serpente fosse donna.

Serpente

Analizziamo perché e per chi quella donna dovrebbe essere un pericolo, Attilia esclude il marito già morto e il figlio, arrivando alla conclusione sussurrata a bassa voce quasi non volesse farsi sentire da nessuno “quella è la morte, è qui per me, è sopra la testa, non vorrei farmi prendere, anche se ormai sono vecchia avrei voluto arrivare a novant’anni”, si mette a piangere scusandosi per le lacrime… rimaniamo in silenzio per un po’, le chiedo se è spaventata, preoccupata di ciò che sta accadendo, mi risponde che non ha paura, ma è tanto preoccupata di sentire dolore, la sua preoccupazione più grande è la sofferenza fisica, parliamo della possibilità di comunicare ai medici e gli infermieri questi suoi pensieri legati al dolore, annuisce e mi prende la mano, dice di aver capito perché sono andata da lei, per farle dire certe cose “io ho capito, sei venuta per farmi una terapia, per farmi dire certe cose, ma sono contenta di averle dette”.

Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scopri di più

USO DEI COOKIE IN QUESTO SITO

I cookie sono piccoli file di testo memorizzati sul computer quando si visitano determinate pagine Web. Non viene fatto uso di cookie per la trasmissione di informazioni di carattere personale, e vengono utilizzati cookie persistenti solo per accertare che l'utente abbia già preso visione dell'informativa breve sull'uso dei cookie, accettandone l'utilizzo.
L'uso di cookie di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito.
Ti ricordiamo che i cookie che utilizziamo non possono danneggiare il computer. unamanoallavita.it non memorizza informazioni personali quali dettagli della carta di credito nei cookie utilizzati, ma si avvale di informazioni crittografate raccolte dai cookie per migliorare l'esperienza degli utenti che visitano il nostro sito Web.
I cookie di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
Questo sito utilizza cookie ma nessun dato personale degli utenti viene acquisito dal sito mediante questo strumento. I nostri cookie non memorizzano informazioni sensibili come nome, indirizzo o dettagli del pagamento. Tuttavia, se preferisci limitare, bloccare o eliminare cookie da unamanoallavita.it, o qualsiasi altro sito Web, puoi utilizzare il browser. Ogni browser è diverso, pertanto controlla il menu Guida del browser in uso (o consulta il manuale dell'utente del telefono cellulare) per modificare le preferenze relative ai cookie.
STRUMENTI DI "CONDIVISIONE":
Se condividi i contenuti di unamanoallavita.it con gli amici mediante un social network, come Facebook, Twitter e Google+, potresti ricevere cookie da questi siti Web. Non abbiamo alcun controllo sull'impostazione dei cookie di terze parti, pertanto ti suggeriamo di verificare i siti Web di terzi per ulteriori informazioni sui relativi cookie e la loro gestione.
COLLEGAMENTI A SITI WEB DI TERZE PARTI:
Il nostro sito non è responsabile dei cookie utilizzati su qualsiasi sito Web di terzi correlato o a cui viene fatto riferimento da unamanoallavita.it.
COOKIE DI TERZE PARTI:
Quando visiti una pagina su unamanoallavita.it con contenuti integrati (ad esempio, da YouTube), potresti ricevere cookie da questi siti Web. Non abbiamo alcun controllo sull'impostazione di questi cookie, pertanto ti suggeriamo di verificare i siti Web di terzi per ulteriori informazioni sui relativi cookie e la loro gestione.

Chiudi