ProgettoMusicoterapia4

Il progetto di Musicoterapia a distanza nasce dall’idea di poter creare uno spazio terapeutico in grado di sostenere i bisogni dei pazienti anche in una situazione così delicata e particolare come la pandemia da Covid 19. Grazie ad Una Mano alla Vita Onlus e al supporto indispensabile di Nausika e Greta (psicologhe presso l’Hospice dell’ospedale Bassini di Cinisello Balsamo), questo progetto è diventato realtà.

L’attuazione di un intervento musicoterapico in modalità a distanza rappresenta sicuramente una grande sfida. La relazione terapeuta-paziente è assolutamente fondamentale per la creazione di un percorso di supporto idoneo ed efficacie. La volontà di procedere anche in assenza di un setting condiviso (come può essere la stanza di degenza) è stata per me una scelta e un atto di presenza basato su un pensiero ben preciso: sono disposto a fare il necessario perché la musica possa comunque entrare nelle stanze dell’Hospice e creare uno spazio condiviso prezioso.

Il primo paziente in modalità on-line è stato Angelo, un uomo sulla settantina arrivato in Hospice in uno stato di salute molto fragile e precario. Purtroppo questo paziente si presenta senza un caregiver di riferimento. Attraverso un colloquio preliminare tra me e la psicologa viene organizzata la prima seduta on-line con Angelo. Il supporto utilizzato in Hospice è un tablet e la video chiamata viene avviata sulla piattaforma Zoom. La psicologa entra nella stanza di degenza del paziente e lo aiuta nella gestione del tablet.

Nonostante la difficoltà nel comunicare attraverso supporti informatici riusciamo a presentarci e a tracciare una linea di anamnesi sonoro-musicale. In seguito Angelo propone qualche brano da ascoltare: “Forse eri meglio di lei”, “E’ inutile davvero”, “Il ribelle” e “Sono un simpatico” di Celentano. Al termine di ogni brano Angelo dice:

…bella questa…

Continuiamo gli ascolti con altre proposte di Angelo: “No More (La Paloma)”, “It’s now or never” e “Jailhouse Rock” di Elvis. Angelo ascolta le canzoni e gestisce il tablet anche da solo.

L’ascolto di brani scelti dal paziente permette il recupero e la condivisione di ricordi legati proprio a queste musiche:

…mi ricordo quando queste canzoni le andavo a ballare…

Inoltre Angelo, al termine di ogni brano, mi chiede se io conosca o meno la canzone che abbiamo appena ascoltato. Quando confesso la mia ignoranza su alcune di queste, lui si sorprende ed è contento di avermi fatto scoprire qualcosa di nuovo.

Vorrei qui riportare un’altra esperienza all’interno del progetto Musicoterapia a distanza. La paziente che vi presento è Maria, arrivata da poco in Hospice per prognosi infausta e accudita dal figlio.

La paziente si presenta allettata e con un livello energetico molto basso. Nonostante questo accetta di fare la seduta di musicoterapia. Il figlio suggerisce di ascoltare qualche brano degli alpini.

Iniziamo con “Signore delle cime”, “Sul cappello”, “Dove sei stato mio bell’alpino”. Maria ascolta la musica con attenzione e ogni tanto canticchia. Il figlio si stupisce molto nel sentire la madre cantare e si avvicina a lei accarezzandole il viso. Maria si lascia andare ai ricordi e parla di suo marito, che era un alpino. L’ultimo brano è richiesto espressamente da Maria. “Quel mazzolin di fiori”. Durante questo ultimo ascolto Maria e il figlio si tengono per mano e a volte si guardano sorridendo. All’inizio della seduta la paziente ha delegato la scelta dei brani al figlio mentre alla fine ha espresso con chiarezza una preferenza. Questo piccolo atto di presenza della paziente, come il suo canto, è stato ben recepito dal figlio il quale ha aperto un canale comunicativo basato sul contatto fisico e sulla piena condivisione del momento presente.

Questa pandemia ha sconvolto completamente le nostre vite e ha messo in discussione alcuni dei punti fondamentali della relazione tra esseri umani. Il contatto fisico, la prossimità e la vicinanza, la condivisione di un luogo, di un’atmosfera e di un vissuto. Musicoterapia a distanza significa il recupero modulato di questi aspetti e la volontà di difendere il concetto stesso di relazione nonostante tutto. Questo è sicuramente uno dei fondamenti delle cure palliative e delle medicine integrate a queste annesse.

MusicoADistanza

 

 

 

 

 

 

 

4

Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scopri di più

USO DEI COOKIE IN QUESTO SITO

I cookie sono piccoli file di testo memorizzati sul computer quando si visitano determinate pagine Web. Non viene fatto uso di cookie per la trasmissione di informazioni di carattere personale, e vengono utilizzati cookie persistenti solo per accertare che l'utente abbia già preso visione dell'informativa breve sull'uso dei cookie, accettandone l'utilizzo.
L'uso di cookie di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito.
Ti ricordiamo che i cookie che utilizziamo non possono danneggiare il computer. unamanoallavita.it non memorizza informazioni personali quali dettagli della carta di credito nei cookie utilizzati, ma si avvale di informazioni crittografate raccolte dai cookie per migliorare l'esperienza degli utenti che visitano il nostro sito Web.
I cookie di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
Questo sito utilizza cookie ma nessun dato personale degli utenti viene acquisito dal sito mediante questo strumento. I nostri cookie non memorizzano informazioni sensibili come nome, indirizzo o dettagli del pagamento. Tuttavia, se preferisci limitare, bloccare o eliminare cookie da unamanoallavita.it, o qualsiasi altro sito Web, puoi utilizzare il browser. Ogni browser è diverso, pertanto controlla il menu Guida del browser in uso (o consulta il manuale dell'utente del telefono cellulare) per modificare le preferenze relative ai cookie.
STRUMENTI DI "CONDIVISIONE":
Se condividi i contenuti di unamanoallavita.it con gli amici mediante un social network, come Facebook, Twitter e Google+, potresti ricevere cookie da questi siti Web. Non abbiamo alcun controllo sull'impostazione dei cookie di terze parti, pertanto ti suggeriamo di verificare i siti Web di terzi per ulteriori informazioni sui relativi cookie e la loro gestione.
COLLEGAMENTI A SITI WEB DI TERZE PARTI:
Il nostro sito non è responsabile dei cookie utilizzati su qualsiasi sito Web di terzi correlato o a cui viene fatto riferimento da unamanoallavita.it.
COOKIE DI TERZE PARTI:
Quando visiti una pagina su unamanoallavita.it con contenuti integrati (ad esempio, da YouTube), potresti ricevere cookie da questi siti Web. Non abbiamo alcun controllo sull'impostazione di questi cookie, pertanto ti suggeriamo di verificare i siti Web di terzi per ulteriori informazioni sui relativi cookie e la loro gestione.

Chiudi